Macchina Biologica

Che le porte si aprano!

Più che porte sono portoni, o meglio portali, quelli che nei film di fantascienza si aprono per accedere a dimensioni alternative, a universi paralleli. I portali che si stanno aprendo ora sul nostro pianeta immettono energia ad alta frequenza, molto alta. Ecco perché qualcuno più sensibile può soffrire in questo periodo di un leggero stato ansioso, con poca concentrazione e scarsa memoria. Ci si può sentire storditi, letargici e tendenti al pianto facile. Si ha molta fame o zero, e quando siamo in mezzo alla gente percepiamo gli altri campi energetici in modo esagerato (la settimana scorsa ho fatto l’esperienza di attraversare mezza Roma in autobus e metrò nell’ora di punta… stavo letteralmente impazzendo). Quando i portali si aprono causano dei disturbi intensi nell’atmosfera e visto che ci viviamo tutti dentro è normale provare un po’ di malesseri vari.

Questa energia che arriva dal cosmo sta modificando la nostra cronologia temporale,  cioè la sequenza degli eventi accaduti nel passato, producendo quello che viene definito “Effetto Mandela”, di cui parlerò tra un attimo. Dal momento che stiamo vivendo quel famoso cambiamento annunciato della coscienza umana, abbiamo a volte l’impressione che ci sfilino la sedia da sotto il sedere. E però al limite ci troviamo seduti per terra, un po’ doloranti.

Come potete comprendere voi stessi leggendo le notizie dal mondo, è cominciata e si sta intensificando quella che in inglese si dice “Disclosure” e che noi possiamo approssimativamente chiamare Divulgazione o Rivelazione (senza alcun riferimento alla bibbia), che in pratica consiste in un numero sempre maggiore di informazioni che sono state secretate e/o occultate sulla vera verità di molti avvenimenti e eventi della nostra intera esistenza umana su questo pianeta – principalmente informazioni sulla depravazione delle classi dirigenti e della programmazione di massa per controllarci in tutti i campi della vita pubblica (e privata) come la politica, gli spettacoli, lo sport e la moda. Gli scandali sessuali a cui stiamo assistendo sono solo l’inizio. Insieme a questa divulgazione comincia a filtrare anche sui media delle corporation qualche informazione sugli UFO e le civiltà galattiche aliene.

La pentola sta – blub blub – bollendo nervosamente, e le interferenze provocate dall’energia in arrivo si sperimentano un po’ dappertutto. Le elites si sforzano di bloccare ogni forma di smascheramento per impedire alla verità di emergere, ma faticano ogni giorno di più: sono disperate e quindi pericolose. Ma questa energia cosmica colpisce tutti e tutti spinge verso una frequenza più alta. Resisterle significa rischiare di sentirsi dissociati dalla propria vita e questi portali hanno il compito di metterci in allarme, di diventare supervigili a tutto quello che accade intorno a noi. Ci stanno risvegliando: sentiamo che c’è qualcosa che sta per accadere e siamo ben attenti a capire se è qualcosa di ostile o di minaccioso. Ci hanno fregato per lungo tempo, ora sta cambiando tutto.

La realtà in cui siamo calati, essendo stata programmata (Matrix, matrix delle mie brame…) si sta contorcendo in corto circuiti artificiali che mostrano errori e discrepanze sempre più visibili, mostrandoci che questo mondo è sintetico, fabbricato, ingegnerizzato.  Nella Matrix quando qualcosa di importante e grande viene cambiato, succede che avvengano anche altri piccoli e meno evidenti cambiamenti, e grazie alla tecnologia siamo in grado di verificare e tracciare questi errori. Questo è quello che viene definito Effetto Mandela, un fenomeno che  accade quando un fatto risaputo e ben conosciuto, apparentemente si modifica  per un numeroso gruppo di persone. Si chiama così in riferimento al fatto che la gente ricorda che Nelson Mandela morì in prigione negli anni ottanta, mentre in realtà (realtà?) sopravvisse molto più a lungo, morendo poi nel 2013. (Io ho un vago ricordo della morte di Mandela tanti anni fa, in effetti).

Un po’ di esempi di questi cambiamenti: vi ricordate i cartoni animati di Bugs Bunny e company? Erano preceduti dalla sigletta (paaaaaaarampapappapà…): io mi ricordo che la scritta diceva “Looney Toons” (toon come cartoon), invece se cercate in rete troverete che si chiamano “Looney Tunes”!  Oppure la scritta CocaCola: non mi ricordo ci fosse una linea tra Coca e Cola, come adesso c’è. O anche il logo della Volvo, mai ricordato come il segno maschile (cerchio con freccia). E cosa dire del finale di “We are the champions” dei Queen? non finiva con “…of the woooorld!” Invece in questa realtà parallela no. Per gli amanti di Star Wars: C-3PO, io me lo ricordo tutto d’oro; invece ora se cercate un immagine (o anche rivedete un film) noterete che ha la gamba destra d’argento. Se vi interessa vedere quanti altri errori sono stati catalogati fin’ora date un’occhiata alla pagina di Reddit specifica.

Cazzate? Roba di poco conto? Sì, non è che queste modifiche cambino molto il mondo, ma ci indicano che qualcosa è successo, che siamo stati piratati, che attraverso l’ingegneria della realtà veniamo manipolati nella nostra coscienza globale: è un tentativo di smantellare le nostre memorie del passato recente, e così è sempre stato fatto. Ci hanno strategicamente allontanato dal cammino verso la verità. Come ci si può muovere in un mondo dove i parametri cambiano continuamente? Il tentativo è quello di insinuare dubbi sulla nostra percezione della realtà,  così da farci provare paura, confusione e rabbia. Le elites stanno cercando di farci fare retromarcia, di bloccare il nostro risveglio e l’espansione della coscienza umana.
La rete e  i social media consentono la circolazione dell’informazione libera, una comunicazione globale e un’evidenza ritracciabile di quello che abbiamo vissuto e conosciuto. Non è più così facile modificare il passato. Comprendiamo così le bugie che ci hanno detto, vediamo come siamo finiti in un tunnel di trauma e oppressione. Ci sentiamo come prigionieri che vogliono scappare, in cerca di aria, di libertà, di onestà e verità.

Viviamo tempi incredibili: sono contemporaneamente la fine e l’inizio. E ora stiamo entrando nella prossima fase: la matrix sintetica si sta sgretolando; il mondo si contorce, si piega, fluttua. O meglio lo schermo che hanno messo davanti  agli occhi della massa per mantenerla in uno stato di trance, con l’intenzione di proteggerla dalle verità che ancora non sono pronti a vedere. Ma la guerra è cominciata, le anomalie temporali accelereranno, le oscillazioni dimensionali ci passeranno sotto agli occhi. E noi siamo parte di tutto questo, ed è tempo di attivare il nostro guerriero interiore. Non lasciate che le entità negative della paura ci blocchino la mente, ci rinchiudano il cuore e corrompano il nostro spirito. Alla loro paura, alla loro rabbia, alla loro avidità rispondiamo con la gioia, l’amore e una coscienza umana illuminata.

Dobbiamo essere precisi, concentrati, motivati e sicuri della nostra forza interiore. Siamo anime antiche piene dell’energia creativa femminina, rilasciamola al pianeta. Quando balliamo facciamolo con estasi, quando meditiamo facciamolo con convinzione e colleghiamoci a Gaia, radichiamoci nella natura, che ha bisogno di noi. Usiamo i doni che abbiamo per intuire e prevedere, per manifestare una nuova realtà, per essere sensibili alla grande confusione che soffre il genere umano. Siamo protetti in questo compito, nessuna paura.

Con Amore,

Yel

 

Disegno di Ilya Rashap

 

 

Lascia un commento :

You Might Also Like