BLOG

Gli animali e l’ascensione

Qualche settimana fa un’amica, con un po’ di preoccupazione, mi ha chiesto se anche gli animali ascenderanno, e la risposta breve e concisa, è stata SI, certamente. Quello che dobbiamo comprendere è che l’ascensione è un processo planetario che ha effetto su tutto quello che esiste sul nostro pianeta: tutte le specie animali e vegetali, tutti gli elementali e tutte le energie che vi esistono; non c’è nulla che rimane immune da questo aggiornamento e incremento della consapevolezza. Ed è proprio la Terra (il cui vero nome è Gaia, dal greco; Terra è stato tradotto così dai Romani in latino) che ascende alla dimensione superiore portandosi dietro  tutti i suoi abitanti, o meglio tutti quelli che volontariamente vogliono fare questo salto quantico.

Ma l’altra sera ho ricevuto un ennesimo messaggio da un’altra amica dove parla dei suoi animali domestici, e allora sollecitata dalle sue parole, ho deciso di scrivere qualche chiarimento in proposito. Scrive la mia amica B.:

Novità: anche i miei animali si stanno risvegliando.Il cane si sente praticamente un essere umano e come tale vuole essere trattato.I gatti si sforzano di comunicare imitando atteggiamenti del cane,tipo rotolare con pancia all’insù per chiedere coccole… E la cosa più sorprendente è che li sgamo mentre studiano i comportamenti altrui nel tentativo di imitarli, direi consapevolmente. Uno dei miei tre gatti  il più piccolo, sta tentando di imitarmi nel tossire. Sono giorni e giorni che sta tosse non mi passa e lui sta simulando. Di notte, proprio perché tossisco e li disturbo fanno versetti di insofferenza tipicamente umani, come dire “che ppppallee questa!” La domanda sorge spontanea: sono io che mi sto accorgendo del loro cambiamento o sono loro che stanno cambiando?

Avete mai pensato al posto che hanno gli animali nella creazione? Al di là di poterli considerare e utilizzare come nutrimento o forza lavoro, o semplicemente da compagnia – ma questo vale nel contesto fisico e materiale – che cosa rappresentano dal punto di vista spirituale e che rapporto hanno con la consapevolezza e l’evoluzione? C’è una teoria, che ovviamente non ricordo più formulata da chi, che afferma che ogni animale non è altro che una specializzazione di un qualche senso o organo esistente pure nell’Uomo. Il cane sarebbe la specializzazione dell’olfatto: un naso che cammina; la gallina sarebbe un ovaio su due zampe; la mucca una mammella in movimento; il gatto… beh, il gatto è misterioso, come sapete, e sarebbe la specializzazione della consapevolezza: un gatto sa sempre esattamente dove sta e cosa accade fuori di  sé. Immagino anche dentro.

Ma lasciamo stare questa ipotesi, comunque antropocentrica, e e proviamo a considerare gli animali – tutti gli animali, ma in particolare quelli che da millenni convivono con noi – come maestri per il genere umano. Durante il ventesimo secolo l’espansione della coscienza di massa del pianeta ha permesso il fluire di una maggior empatia e comunicazione tra le persone che anticamente si consideravano reciprocamente straniere (sì, certo, non è che proprio tutti hanno vissuto questa espansione, ma i ritardatari ci sono sempre, il modello Salvini o Trump, per esempio). Per estensione c’è stata anche una crescita della sensibilità nei confronti degli animali. Crescita ancora contradditoria perché consideriamo alcuni animali senzienti e dotati di personalità, a discapito di altri che, pur avendo le stesse caratteristiche di intelligenza e reattività (se non maggiori) vengono ancora trattati letteralmente come carne da macello. Non voglio polemizzare (ma un po’ si) ma non capisco come un amante vero degli animali domestici non riesca a vedere che maiali, mucche, conigli e capre e galline, abbiano tutti la sensibilità, differente certo, dei propri cani e gatti. Personalmente adotto la formula: non mangio nulla che abbia gli occhi, il che riduce drasticamente la mia scelta alimentare ai vegetali (anche i molluschi in verità, ma il mare sta morendo, quindi niet).

La situazione per la gran massa di animali che vivono sul pianeta non è per nulla ideale, ma parlare dei sistemi nazisti (perché i mattatoi sono stati costruiti seguendo le modalità di genocidio industriale organizzato durante il nazismo) mi porterebbe da un’altra parte, e invece voglio parlare invece di consapevolezza. Ecco, oggi ci sono molti indivdui che comunicano apertamente con gli animali e c’è una larga fetta della popolazione che supporta attivamente il miglioramento delle condizioni di vita degli animali su Gaia. Quelli tra voi che hanno un rapporto d’amore con i propri animali, sono quelli che più facilmente si stanno accorgendo che anche gli animali stanno espandendo la loro coscienza grazie all’energia aumentata dal processo ascensionale. Ma magari non realizzate che molti dei vostri animali domestici (odio questo termine perché mi ricorda la servitù; è tanto più bello l’uso inglese di PET, traducibile con “tesoro, benamato”, il verbo TO PET, significa “accarezzare”), che molti dei vostri pets sono nella vostra vita non per caso, ma per prendersi carico di qualche situazione problematica all’interno della vostra famiglia.

Un esempio: c’è una famiglia che è divisa e  ha delle conflittualità, improvvisamente il cane decide di morire, e facendo così, con la sua morte, rilascia le energie che stavano uccidendo l’armonia famigliare, e la situazione della famiglia comincia a migliorare. Gli animali da compagnia spesso inscenano le emozioni che i loro padroni (sgrunt!) hanno magari represso e di cui non riescono a liberarsene. A volte agiscono proprio i sintomi di una malattia (la tosse descritta da B.) in modo da poterla assistere.  In ogni caso gli animali ci donano quell’amore incodizionato che noi facciamo così fatica a comprendere e ci proteggono nei momenti di energie negative e caotiche. Fate attenzione quando un animale si ammala, è possibile che stia prendendo la malattia dal padrone, liberandolo dallo stress e dalle preoccupazioni e trasformando questi in disturbi fisici. Guardate come state voi dentro e cercate qualche blocco: se lo trovate e lo risolvete, è facile che anche il vostro animale guarisca.

Quindi, tornando all’ascensione, è chiaro che gli animali stiano sperimentando dei sintomi come le persone, e principalmente un’accrescita empatia e accresciute abilità empatiche, ma ogni animale è differente e ognuno segue, come gli umani, il proprio processo ascensionale, sebbene generalmente si possa osservare un’aumentata consapevolezza in reazione al benessere fisico, mentale ed emotivo delle persone con cui vivono o con cui interagiscono. Che siano cani, gatti, cavalli, conigli, serpenti, maiali, canarini o iguana, non importa: tutti gli animali sono interconnessi energeticamente con le persone che li accudiscono. E sono qui per aiutarci a guarire e per insegnarci.

Gli animali non da compagnia (compresi quelli selvaggi) se la passano peggio. Il motivo è il blocco dell’energie di Gaia dovuto alle tossine che vengono gettate negli oceani, all’inquinamento dell’aria e dell’acqua e del suolo, allo sfruttamento e distruzione delle foreste e all’immenso e atroce calvario di tutte quelle specie che vengono ancora utilizzate per l’alimentazione o l’industria manifatturiera. Io sono vegetariana ma non faccio terrorismo contro l’alimentazione carnivora, sappiate però che nell’universo non esistono altri sistemi evoluti dove sia in voga l’alimentazione carnivora, nemmeno tra animali: son tutti vegetariani. E’ un modello evolutivo ormai consolidato.

L’ascensione è una forza che UNIFICA e stiamo assistendo a questo processo unificante in tutte le manifestazioni della creazione. Persino le energie più oscure della separazione non possono più ignorare la forza di questo processo e la sua attuazione: è un passo avanti verso la riunificazione delle energie disparate e disconnesse, è un passo avanti verso la ri-connessione con la Fonte, e quello che sta avvenendo tra umani e animali è solo un’altra parte di questo processo.

Con amore animalesco,
Yel

 

 

Lascia un commento :

You Might Also Like