Il Drago e la Paura

Come al solito, quando accade qualcosa di importante che rischia di aprire nuovi squarci sul sistema corrotto e maligno in cui viviamo, ecco che arriva un attacco terroristico dell’ultimo grido, quello sulle quattro ruote che falcidia qualche malcapitato pedone per le strade delle metropoli occidentali.

Il giorno prima è stata annunciata la morte di David Rockefeller, l’ultimo discendente vivente della terza generazione dell’infame dinastia dei Rockefeller, capo indiscusso delle tredici famiglie della cabal e responsabile di innumerevoli malvagità nei confronti della razza umana e del pianeta. E giusto per non lasciare il minimo tempo per comprendere cosa questo significhi dal punto di vista energetico ed esoterico, ecco che arriva l’attacco di Westminster e il panico nelle strade di Londra. Il dramma della paura viene nuovamente orchestrato per oscurare le voci che si diffondono su internet di chi fosse realmente Rockefeller. La distrazione attraverso la violenza e la paura rimane sempre la modalità che il potere utilizza per impedire ai molti di vedere la verità.

La vera notizia di questi giorni è invece proprio la morte di Rockefeller, che rappresenta un segnale importante nel processo di risveglio dell ‘umanità. Per chi non conoscesse la sua storia, ecco alcune delle imprese che il capo dragone ha compiuto nella sua lunga vita:

Presidente e Amministratore Delegato dell’infame Chase Manhattan Bank.

Presidente del Council on Foreign Relations.

Membro fondatore e consigliere del comitato guida del Bilderberg.

Fondatore della Commissione Trilaterale.

Co-fondatore del Rockefeller Brothers Fund.

Eugenetista. Quando i più ricchi eugenetisti del mondo si incontravano per stilare i piani per la riduzione della popolazione mondiale, venivano chiamati in riunione con lui presso la  President’s House of Rockefeller University.

Ha capeggiato la ricolonizzazione della Cina.

Ha ammirato la rivoluzione cinese di Mao.

E’ stato un globalista, queste le sue parole in proposito:

Qualcuno crede che noi (la famiglia Rockefeller) siamo parte di una società segreta che lavora contro i migliori interessi degli Stati Uniti e ci descrivono come internazionalisti che conspirano con altri intorno al mondo per costruire un sistema politico globale e economico integrato: un solo mondo, per così dire. Se questa è l’accusa, mi proclamo colpevole e ne sono fiero. (David Rockefeller, Memorie, pag.405)

Si potrebbe andare ancora avanti ma penso che sia più che sufficiente a capire che bel tipo fosse Rockefeller, ma non sto certo a gioire della sua morte, visto che se n’è andato esattamente come è arrivato: vergognosamente ricco, golosamente avido e crudele senza pietà. E subito dopo di lui è già pronta la prossima generazione di minions che prenderanno il suo posto nel vuoto di potere.

Ma la testa del drago è stata recisa e possiamo fare in modo che non ne rinasca una nuova, se continuiamo a pensare  in libertà e consapevolezza, e ricerchiamo nuovi modi per cambiare e migliorare le cose in noi e intorno a noi. Dobbiamo mantenere le nostre vibrazioni alte, perché l’elites del potere stanno vacillando, la loro barca sta colando a picco e gli sta sfuggendo di mano il controllo sul mondo. Vedremo altre morti, altri malfunzionamenti e più menzogne e avidità svelate.

Proteggiamo il nostro spazio di amore, mangiamo, riposiamo, respiriamo gentilezza, compassione e gratitudine. Rifiutiamo di permettere alla paura di sostituirsi alla pace interiore. Cerchiamo di vedere gli accadimenti violenti del mondo in una prospettiva più ampia. Siamo solidali e compassionevoli con le vittime ma non cadiamo nelle spire perverse costruite dal sistema.

Ci stiamo risvegliando in tanti, è questa la cosa più importante.

Con Amore,
YEL

 

 

Pubblicato da

Avatar