A proposito del gen(d)ero

Fino a qualche anno fa, mi era faticoso districarmi nella comprensione dell’effettiva relazione esistente tra i vari cognati, suoceri, generi, nuore e affini. Sono lenta in certe cose: per esempio ho imparato l’alfabeto a memoria solo in quarta elementare, e le tabelline, forse mai. Ogni cosa a suo tempo.
Ora ho capito bene che il genero è il marito della figlia, dal punto di vista dei genitori di lei; mentre la nuora è, viceversa, la moglie del figlio, dal punto di vista dei genitori di lui.… Leggi il resto...

Perversamente consapevoli: l’erotismo spirituale

Kink è una parola inglese che solitamente viene tradotta come “capriccio”, “bizzarria”, “eccentricità” o anche “perversione”, se intesa in senso prettamente sessuale, ma sebbene l’avessi da sempre connessa a certe pratiche erotiche non ne avevo mai ben compreso il significato, finora. Conscious Kink è un termine che definisce quelle pratiche sessuali che hanno il fine di aumentare la consapevolezza: una via per lo spirito che passa per il corpo.… Leggi il resto...

Il sesso con una donna trans

Sul frontone dei teatri c’è spesso questa iscrizione: “Castigat ridendo mores“, che vuol dire letteralmente “corregge i costumi ridendo”. L’ha inventata un poeta latinista francese del 17° secolo, Jean de Santeul, indicando come la commedia e la satira, spargendo ironia e ridicolo sui vizi e i difetti umani, diano un apporto importante per la riforma dei costumi. Questo è il comico Jim Norton in uno spezzone del suo spettacolo “Un boccone di vergogna” e trovo che sia l’approccio più onesto che abbia mai sentito sul fare sesso con una donna transgender.… Leggi il resto...

Transpiritualità 2: Dietro le tende, Oltre il velo

Questo testo, è tratto da un libro intitolato “Transgender Spirituality: Man into Goddess” (Spiritualità Transgenere: Uomo in Dea), scritto da Sakhi Bhava e pubblicato nel 2012. La libera traduzione è mia.

Molto spesso, più di quanto la gente possa immaginare, dentro appartamenti oscurati dalle tende, in stanze d’albergo sigillate, in soffitte polverose o cantine buie avviene una scena di questo tipo:

Un uomo o un ragazzo si affretta eccitato, chiude le porte e tira le tende, assaporando il brivido dell’anticipazione.… Leggi il resto...

Ancora sul maschio e la femmina (e il resto)

Tratto da “La fusione degli opposti” di Saint Germain. (pp.88 e seguenti)

“(…) Ora, c’è molto da dire sulla mascolinità e sulla femminilità nella vostra società. Nel corso di eoni di tempo, su questo piano, quello che è di natura mascolina è diventato potente, sebbene non potente quanto la femminilità.
Eoni fa fu accettato sia dal maschio che dalla femmina che lo scopo della femmina fosse quello di compiacere l’essenza sovrana, il maschio.… Leggi il resto...