Io ascendo, tu ascendi, noi ascendiamo

Qualche giorno fa Internet mi ha regalato un piccolo manuale intitolato “The Ascension Study Guide and The Personal Ascension Program“. Sono 60 pagine in formato pdf suddivise in 8 sezioni con vari paragrafi. Scritto da un gruppo di Lightworkers anonimi, questo manuale contiene tutte le informazioni necessarie per comprendere e partecipare al così detto “Salto Planetario” o “Ascensione” che il nostro pianeta ha cominciato a fare (portandosi dietro tutti i suoi abitanti, o quasi) dal 2012, e che culminerà in un momento futuro assai prossimo, anche se non ben precisato, visto che il futuro è in perenne cambiamento.… Leggi il resto...

Il Nuovissimo Testamento

Tanti anni fa mi ero innamorata di un film belga, intitolato “Toto l’hero” che cominciava con uno scambio accidentale di due neonati in culla, ribaltando così specularmente le vite dei protagonisti. Mi piaceva davvero tanto pensare come la vita possa prendere una strada o l’altra solo in base ad un punto di partenza differente.

Ieri sera ho visto l’ultimo film dello stesso regista belga, Jaco Van Dormael, che esplora ed espande in forma di commedia dark lo stesso concetto.… Leggi il resto...

L’Uovo

Stavi tornando a casa quando sei morto.
È stato un incidente d’auto. Niente di particolarmente spettacolare, ma comunque fatale. Hai lasciato una moglie e due bambini. Non è stata una morte dolorosa. Al pronto soccorso ce l’hanno messa tutta per salvarti ma non c’è stato verso. Il tuo corpo era ridotto così male che è stato meglio così, credimi.
Ed ecco che hai incontrato me.… Leggi il resto...

Cose che la scuola non ci insegna

Oggi ho parlato un po’ con un amico sedicenne che si è fermato a pranzo da me. Non ha mangiato molto ma era così affamato di risposte che mi ha commosso. E le sue domande non vertevano su, che so, la partita di calcio, o come accostarsi ad  una ragazza, o l’ultimo gioco della playstation, o cose analoghe che potevo pensare anche io alla sua età.
Leggi il resto...

La trappola (breve storia del mondo)

Vide, dunque la donna che l’albero era buono a mangiarsi, bello agli occhi e dilettoso all’aspetto; prese del suo frutto, ne mangiò e ne dette al marito che ne mangiò. E s’aprirono gli occhi ad ambedue. E avendo conosciuto di essere nudi, intrecciarono delle foglie di fico e ne fecero delle cinture.(Genesi, 3, 6-7)
Quando l’uomo finì per la prima volta nella trappola, la confusione gli ottenebrò la mente.
Leggi il resto...